Carnevale di Castrovillari
Loading
  • È CARNEVALE!... SERENATE TRADIZIONALI
È CARNEVALE!... SERENATE TRADIZIONALI

Il 60° Carnevale di Castrovillari entrerà nel vivo l’8 Febbraio, giovedì grasso, con l’incoronazione di “Re Carnevale”. Per 5 giorni salirà sul trono della Città di Castrovillari, divertendosi il più possibile; le porte del suo palazzo saranno aperte e le cucine pronte ad accogliere chiunque voglia assaggiare cibo prelibato, ma per fare ciò deve allontanare la sorella minore, ovvero la “Quaresima” ; inizia così la teatrale diatriba, in vernacolo, tra il Re Carnevale e la Quaresima. Di seguito il tradizionale rituale dell’incoronazione di quest’ultimo e la conseguente, simbolica, nelle sue mani, delle chiavi della città da parte del sindaco Mimmo Lo Polito. Con le chiavi si aprirà la porta della gioia e del mascheramento che durerà fino al 13 febbraio, martedì grasso, quando il “Re” verrà bruciato sul rogo e la Quaresima prenderà il suo posto. A seguire la tradizionale “Sirinata d’a Savuzizza”, uno degli appuntamenti più attesi e caratteristici del Carnevale di Castrovillari, giunto alla sua XVI Edizione è dedicato al compianto artista castrovillarese Gianni Francomano. La manifestazione, che si tiene il giovedì grasso, riprende l’antico rituale carnascialesco castrovillarese delle “Mascherate”. Gruppi mascherati, accompagnati dal tradizionale suono della fisarmonica e del tamburello, girano per le case dove chiedono ospitalità ed intrattengono i padroni di casa e gli amici di quest’ultimo con canti e tarantelle in cambio di una bevuta e di prodotti tipici. Un evento ormai istituzionalizzato a cui la Pro loco da qualche anno, ha voluto dare un logo, un simbolo, “la maschera”; maschera che non serve a nascondersi, bensì a rivelarsi, a svelare un’anima gioiosa, un cuore che da sempre vive con passione ed entusiasmo il Carnevale di Castrovillari, di cui, forse, a’ sirinata d’a’ savuzizza è la nota più autentica e popolare, a cui tutti possono partecipare, tra danze, musiche e scherzi, per dare spazio alla gioia e all’incontenibile frenesia. Una operazione mirata e lungimirante che riporta il carnevale al centro dell’attenzione di un’ intera comunità che rivive il rito carnascialesco per come vuole la tradizione. L’idea della maschera che è diventato, come dicevamo il simbolo della sirinata d’a savuzizza, è di Stefano Ferrante, Elmira Boosari ispirati da una maschera che


SIRINATA D’A SAVUZIZZA


SIRINATA D’A SAVUZIZZA


ormai da anni il direttore artistico Gerardo Bonifati, indossa il giovedì grasso per parteciparvi. Anche quest’anno il tutto si svolgerà nel “Rione Pantaniddu”; in ogni casa ci sarà una giuria formata da componenti di diverse Associazioni di Castrovillari, a loro va l’arduo compito di decretare il vincitore. L’intento principale degli organizzatori è quello di rivitalizzare il centro storico della città in generale e del “Rione” in particolare. Dopo il successone delle precedenti edizioni, con una massiccia partecipazione di pubblico, gli organizzatori hanno pensato di continuare le “serenate” dando seguito a feste notturne, il giovedì grasso (08 febbraio 2018); il venerdì (09 febbraio 2018) sempre nello stesso rione, “Canti e fatti ‘ndaVanedda Larga”. Festival dei Cantastorie cura di Calabria Sona e Unione Cantastorie e sabato (10 febbraio 2018) con “Spizziculia cu lliSkapizza”. Aperitivi e concerti.
ALBO VINCITORI
Anno 2003 1° I giuvini di granatedde
Anno 2004 1° I cumpari
Anno 2005 1° Gli artisti di strada
Anno 2006 1° L’amicidujurno prima
Anno 2007 1° I murtali
Anno 2008 1° L’amicidujurno prima
Anno 2009 1° L’amicidujurno prima
Anno 2010 1° L’amicidujurno prima
Anno 2011 1° Crape e muntuni
Anno 2012 1° A famigghja a dui rote
Anno 2013 1° I struppiati
Anno 2014 1° I Carvunari
Anno 2015 1° I Migranti
Anno 2016 1° I pacci da’ scola
Anno 2017 1° Ex equo “ I senza sinzu” e “Simmu i Napuli paisà”

Castrovillari 6 febbraio 2018