LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA
Loading
  • LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA
LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA


Terzo appuntamento per il Festival antropologico dei popoli, XIV Festa delle culture e Carnevale glocale del 61mo Carnevale di Castrovillari- ANNO 2019-incentrato sul Focus Campania. Le attività culturali programmate nella Consulta Scientifica della Pro Loco di Castrovillari, in collaborazione con l’Accademia Pollineana, che hanno avuto inizio giovedì 14 Febbraio, con il primo appuntamento del XIV Cineforum intitolato a “Carmine Bonifati”, proseguiranno Giovedì, 21 Febbraio 2019, ore 11.30, presso l’ I.I.S. “G. Garibaldi-A. Alfano- L.Da Vinci”, Sala-Video LC. Gli studenti coinvolti assisteranno alla proiezione del documentario, prodotto da TV 2000, “La festa dei Gigli di Nola”, patrimonio orale e immateriale dell’umanità UNESCO, che celebra le gesta di san Paolino, con la danza degli obelischi alti anche più di venti metri. I saluti istituzionali saranno portati dal ds, dott.ssa Elisabetta Cataldi. Coordinerà la prof.ssa Angela Lo Passo, segretaria dell’Accademia Pollineana. Interverranno alla manifestazione Eugenio Iannelli e Gerardo Bonifati, rispettivamente in qualità di presidente e direttore artistico della Pro Loco di Castrovillari. Le letture, che illustrano i contenuti del documentario, saranno a cura degli studenti partecipanti. A Nola la Festa dei Gigli è un cerimoniale attraverso cui i nolani ricordano ogni anno il leggendario ritorno del Vescovo Paolino, originario di Bordeaux, dalla prigionia in terra lontana a seguito delle invasioni di Alarico nel 410. La domenica dopo il 22 giugno, data della commemorazione di San Paolino, si svolge la processione di otto obelischi, i gigli, di struttura lignea e con rivestimenti raffiguranti temi religiosi o di attualità in cartapesta o altri materiali, che rappresentano le otto corporazioni di mestieri locali. Da dove deriva la denominazione dei “gigli”? Secondo il racconto di fondazione, nel 431 i nolani accolsero il loro vescovo con omaggi floreali, i gigli appunto, raggruppati in corporazioni di arti e mestieri.


LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA


LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA


Da allora Nola ha tributato nei secoli la sua devozione al Santo, modificando nel tempo gli oggetti portati in processione, inizialmente si trattava di fiori, poi ceri addobbati posti su strutture rudimentali, poi su cataletti, divenuti infine torri piramidali in legno. Le attuali costruzioni, denominate appunto “Gigli” per questa loro origine, hanno assunto tra il Settecento e l’Ottocento la forma attuale, con un’altezza di 25 metri, una base cubica di circa tre metri per lato, per un peso totale che supera i trenta quintali.

RICORDO DI CARMINE BONIFATI

Nato a Castrovillari il 31 Marzo 1946, è stato da sempre legato al suo territorio. Ha costantemente lavorato per il suo sviluppo e la sua promozione. Con estrema professionalità, con dignità e con grande umanità, ha svolto il suo lavoro di DSGA della Scuola, riuscendo a coniugarlo adeguatamente con i suoi molteplici interessi. Grande appassionato dell’arte cinematografica, è stato promotore di circolo di “Cinema d’essai” e di molte altre iniziative nel settore. Avido lettore, curioso di tutto, sempre impegnato sul piano sociale e politico, intellettuale militante, uomo di cultura a tutto tondo. Ha amato la famiglia, gli amici, la sua gente, la vita. Un crudele destino lo ha colto-sul campo- il 22 Marzo 2005. Gli è stata intitolata l’Aula Audiovisivi della Scuola - Istituto Comprensivo “Ernesto Koliqi” di Frascineto (CS), sotto la dirigenza del prof. Pietro Maradei. Così lo ricorda la figlia Francesca: "Il cinema ha preso per mano il mio papà e non lo ha più lasciato. Era piccolo, quando con mia nonna s'incantava davanti alle immagini e al racconto delle storie, sullo schermo di un cinema che non esiste più: il Cinema "Roma", che io, bambina, immaginavo dai racconti di mio padre. Con la mano stretta nella mia, ha portato anche me in quel mondo incantato e fantastico. Il mio primo ricordo cosciente è di quando mi portò a vedere "Biancaneve" all' "Ariston" -avrò avuto quattro o cinque anni- e poi "E.T.", "Frankestein junior", "The Elephant man"...e da allora la sua malattia ha contagiato anche me.


Ho vissuto tra immagini dei posters dei films che hanno popolato le pareti della nostra casa e tra migliaia di videocassette e libri che riempivano la sua libreria. Una passione ed un sogno, quello di papà per il cinema, tanto da spingerlo ad aprire prima una piccola saletta, il "Cineclub" e poi l' "Atomic cafè". Impresa ardua in quegli anni...ma lui ci ha creduto. Sempre! Amore per il cinema, quello che fa sognare ma non sa ingannare, proprio come lui-e chi lo ha conosciuto lo sa- che è stato così: vero ed autentico, alla ricerca costante di un mondo più giusto e solidale, con lo sguardo rivolto sempre ai più deboli, gli stessi sentimenti che ha lasciato a me e a Giovanni. "Nessun sogno è mai solamente un sogno": Vi lascio con queste parole di Stanley Kubrick, uno dei suoi registi preferiti". Questo è il quattordicesimo anno del Cineforum che la Pro Loco del Pollino di Castrovillari gli ha voluto intitolare, in occasione del Focus culturale dedicato, anno per anno, al Paese ospite, in questo caso la Regione Campania. L’auspicio che vogliamo fare per questa ricorrenza è che la società tutta, i giovani in particolare, traggano dal suo esempio di vita una lezione di sprone all’impegno ed alla testimonianza civile dello stesso, con coerenza, lealtà, coraggio, consci come siamo, e come lo era lui, citando le parole di uno dei suoi film preferiti, Gruppo di famiglia in un interno, del grande Luchino Visconti, che “ I corvi volano a stormi…l’aquila vola da sola…”

UFFICIO STAMPA: Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION
e-mail arcacommunication@libero.it - Tel. 347-8284753
prolococv@libero.it - telefono 0981-27750
www.carnevalecastrovillari.it - www.prolocodicastrovillari.it

Castrovillari 19 Febbraio 2019


LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA