INIZIA IL FOCUS CAMPANIA
Loading
  • INIZIA IL FOCUS CAMPANIA
INIZIA IL FOCUS CAMPANIA

61° CARNEVALE DI CASTROVILLARI- FOCUS CAMPANIA-1° APPUNTAMENTO
E’ giunto alla IV edizione il Festival antropologico dei popoli, XIV Festa delle culture e Carnevale glocale del 61mo Carnevale di Castrovillari- ANNO 2019-incentrato sul Focus Campania.
Le attività culturali programmate nella Consulta Scientifica della Pro Loco di Castrovillari, in collaborazione con l’Accademia Pollineana, hanno avuto inizio giovedì 14 Febbraio, ore 9,20, con il XIV Cineforum intitolato a “Carmine Bonifati”, che ha coinvolto gli studenti delle classi IV del Liceo Scientifico (I.I.S. “Mattei-Pitagora-Calvosa”) nella visione, nell’Auditorium della Scuola, del documentario “Libera nos a malo: ‘A Festa ‘e Sant’Antuono di Macerata Campania”, inserita nel patrimonio culturale immateriale dell’ UNESCO.
Si tratta della documentazione di uno degli eventi più importanti nel panorama delle feste popolari/religiose della Regione Campania. La sfilata dei Carri di Sant’Antuono, con le Battuglie di Pastellessa con i bottari di Macerata Campania, come è riportato sul sito ufficiale della manifestazione, è uno dei momenti più attesi del folclore casertano e richiama ogni anno un numero sempre maggiore di visitatori interessati ai rituali e alle tradizioni popolari.
Botti, tini e falci vengono percossi armonicamente su carri a forma di barche in onore di Sant’Antonio Abate, dando vita a poliritmie che ricalcano le origini contadine della comunità.
Una musica originaria di Macerata Campania, un tempo rione di Capua antica, e che è diventato l’elemento connotativo della festa dedicata a Sant’Antonio Abate, la cui origine secondo la tradizione orale risale al XIII secolo. Il documentario che è stato riprodotto è tratto da "Cartolina per un week-end" realizzato nel 2012 da NTV Viaggi & Sapori.


INIZIA IL FOCUS CAMPANIA


INIZIA IL FOCUS CAMPANIA


I saluti istituzionali sono stati portati dal ds, prof. Bruno Barreca, che ha sottolineato l’importante funzione che tali iniziative, realizzate anche con il contributo di docenti e studenti, rivestono per la formazione dei giovani che, studiando le radici storiche dei territori e cogliendo la bellezza e l’importanza del patrimonio della tradizione orale ed immateriale, possono costruire con più solide basi i loro necessari contributi nel prossimo futuro che li vedrà sicuramente protagonisti.
Presenti anche i parenti del compianto Carmine Bonifati, la sig. ra Lidia D’Afflitto e la prof.ssa Carla Bonifati, già docente della scuola e commossa e coinvolgente sostenitrice dell’impegno dei giovani in tempi apparentemente bui, ma in realtà ravvivati dalla memoria storica e dalla preziosità degli incontri umani incentrati sulla bellezza della condivisione. Sono intervenuti alla manifestazione Eugenio Iannelli e Gerardo Bonifati, rispettivamente in qualità di presidente e direttore artistico della Pro Loco di Castrovillari, che hanno portato un messaggio di apprezzamento per la scuola da sempre in prima linea nel sostenere l’evento carnascialesco, ma anche di grande positività per la carica umana che sa mettere in gioco e la richiesta di ancor più intensa e necessaria partecipazione alle molteplici iniziative che il 61mo Carnevale di Castrovillari è pronto a realizzare, coinvolgendo l’intera comunità, che sarà visitata dai tanti turisti attesi e richiamati dal principale attrattore culturale che il Carnevale di Castrovillari rappresenta.
Ha coordinato l’evento Filomena Bloise (Consulta scientifica Pro Loco e pres. Accademia Pollineana) cui è affidata la direzione culturale del Focus e che ha illustrato le origini storiche del Carnevale, nonché la dinamica culturale del “ribaltamento dei ruoli” e del “mondo alla rovescia” che dai Saturnali latini alla contemporaneità dà voce alla liberatoria dimensione della “festa del caos organizzato” in cui sacro e profano sembrano fondersi e la baldoria, il folleggiamento e la licenza sono pure necessari per arrivare alla purificazione in vista dell’arrivo della primavera ed alla riaffermazione delle regole necessarie alla convivenza civile.

Intermezzi musicali sono stati eseguiti dal prof. Giuseppe Lo Polito, che ha divertito e sorpreso il pubblico, in particolare con l’esecuzione della canzone “Io mammeta e tu”, interpretata in passato da Domenico Modugno. Le letture sono state curate dagli studenti Giuseppe Landi, Katia Ruscelli, Donato Martino ed Alessia Forte, quest’ultima declamatrice anche in lingua napoletana.

UFFICIO STAMPA: Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION
e-mail arcacommunication@libero.it - Tel. 347-8284753
prolococv@libero.it - telefono 0981-27750
www.carnevalecastrovillari.it - www.prolocodicastrovillari.it

Castrovillari 15 Febbraio 2019


INIZIA IL FOCUS CAMPANIA